Articoli

Mani che si sfiorano

Ti sfiori la fronte con quel solito gesto che conosco così bene. Vuol dire guardami e non c’entra niente con le tue rosse ciocche ribelli. Mani che segnano l’aria, imprevedibili come farfalle, mani colorate da tanti anelli, mani che sparano lampi come revolver caricati a fiori. Mani impertinenti si appoggiano ai fianchi e dicono tutto, mi prendono e scintillano mentre fai schhhhh! Mi sfiori con due dita le labbra, mi lasci senza parole. Ora ho solo occhi per i tuoi occhi, per le scie azzurro-viola, verdi-gialle, mare e foglie che mi lasciano le tue carezze, i segni rossi dei tuoi anelli che torneranno a risvegliare stanotte i nostri soliti pensieri. Mani che si sfiorano, anelli che sembrano punti esclamativi, virgole, puntini sospesi… in attesa di te.

Ciao bellissima!

Piove e vien voglia di scrivere canzoni così come vengono, di filmarti mentre dormi e mentre cammini, mentre ti svegli e sorridi, mentre ti infili tutte quelle collane e provi diecimila orecchini facendo le facce strane e le boccacce a me che ti guardo e non riesco quasi a respirare mentre la tua pelle sparisce e ti riempi le dita di anelli colorati come se fosse già Natale… Ci vorrebbero le parole di Vasco, la sua musica e la sua faccia da sberle a riempire la nostra casa mentre ti trucchi con una sola riga nera. Mi fai ciao tirando su le collane ridendo come una matta. Tre minuti e sparisci sgommando. Mi restano le strisce di luce rossa e gialla riflessa sulle gocce della finestra, le strisce azzurre e viola delle tue mani, le nuvole di fumo e cento whatsapp fino a stasera…

I gioielli non servono a niente

I gioielli non servono a niente. Forse solo a chiedermi un bacio, ad attirare carezze pericolose. Le tue collane lunghe disegnano il collo, indicano l’ombelico, mostrano percorsi alle mani, segnano il buio di riflessi ovali, servono solo a ritrovarti. I grandi anelli dalle pietre colorate che metti d’estate come ghiaccioli e d’inverno come scaldini non servono a nient’altro che a incantarmi mentre mi indichi il mare e la neve con le mani che corrono ovunque mentre giochi e parli. Gli anelli larghi d’oro e d’argento sono solo specchi che dei giorni riflettono il vento e altri mi chiudono le mani dentro pensieri rossi. Gli orecchini rubano sguardi e tirano i capelli, attirano le mani degli amanti e le fanno sparire nelle chiome. I grandi cerchi rotondi si infilano tra le labbra a cercare parole solo sussurrate, confidenze proibite troncate, poi tornano a giocare, a dondolare aspettando nuovi occhi, altre mani, per altri inutili giochi…

Anelli, giochi, meraviglie…

Tra tutti i gioielli gli anelli sono simboli, segni indelebili e definitivi. Pegni d’amore, promesse, attestati di appartenenza ad esclusive enclave, sigilli perentori del potere assoluto. Scrigni di segreti scuri, di pozioni magiche e veleni. Sculture, giochi, meraviglie di ingegneria e palcoscenici di luci e colori.
Amo da sempre le sue mani affusolate dalle dita lunghe e sottili da prestigiatore, da maga capace di ogni incantesimo. Mani cariche di anelli buoni per tutti i suoi trucchi. La larga fascia squadrata, lucida di luce, liquida come gli occhi, scalfita solo dai segni delle mie tacche che contano i nostri incontri. Non ho mai capito la rotonda pietra viola trattenuta dal cerchio di luce bianca che le segna l’indice. Di certo un presagio, l’indicazione di un luogo segreto dell’anima. Il mio preferito, la lunga ellisse nera, il primo, l’unico imperdibile. Il sottile cerchio d’argento graffiato che racconta di una vita da gatta. Il calore del quarzo fumè quadrato che mette d’autunno. La grande pietra verde, il cerchio d’oro rosa… I suoi infiniti anelli, incantesimi celati dalle bellissime mani, magie nascoste in ogni carezza da strega. Sorridi!

E poi fate l’amore

La vita è poesia e i nostri gioielli sono vita e poesia, si infilano nelle pieghe dei versi tra le carezze delle parole, nelle emozioni provocate da una collana lunga sulla pelle nuda, nell’impigliarsi della mano tra i capelli e un orecchino grande, leggero e dalle forme morbide che non ti lascia più. I nostri anelli segnano le mani che abbracciano, stringono e si uniscono calde, le dita che si sfiorano, regalano colori e appigli a cui appendere baci. Vestite la pelle liscia solo di gioielli… Collane morbide, orecchini luminosi, grandi anelli e schiave rotonde…

“E poi fate l’amore.
Niente sesso, solo amore.
E con questo intendo
i baci lenti sulla bocca,
sul collo,
sulla pancia,
sulla schiena,
i morsi sulle labbra,
le mani intrecciate,
e occhi dentro occhi.
Intendo abbracci talmente stretti
da diventare una cosa sola,
corpi incastrati e anime in collisione,
carezze sui graffi,
vestiti tolti insieme alle paure,
baci sulle debolezze,
sui segni di una vita
che fino a quel momento
era stata un po’ sbiadita.
Intendo dita sui corpi,
creare costellazioni,
inalare profumi,
cuori che battono insieme,
respiri che viaggiano
allo stesso ritmo.
E poi sorrisi,
sinceri dopo un po’
che non lo erano più.
Ecco,
fate l’amore e non vergognatevi,
perché l’amore è arte,
e voi i capolavori.”

Alda Merini

Le mani delle donne

le mani delle donne sono mani da anelli grandi appoggiate tra la fronte e gli zigomi come a difendersi da lampi improvvisi, a nasconderci pensieri e segni sottili. Anelli luccicosi e graffiati, scudi d’oro, giochi, impalpabili seduzioni. Lunghe dita sottili, unghie da bambina e anelli colorati disegnano l’aria veloci come rondini. Mani da morbide carezze e aperitivi colorati, appena appoggiate al volante in notturne guide spericolate, segnali semaforici scritti da riflessi d’argento. Maliziose mani di voile dai piccoli anelli leggeri, trame di desideri accarezzati e taciuti in infinite carezze tra la gola e le caviglie. Mani da ridere, dita da segnacci irriverenti, da anelli strani, pietre arancio e vaffa… Mani da lacrime sui dorsi macchiati dal mascara, ricci neri fatti, rifatti e strafatti da dita e anelli annegate nel profumo dei capelli. Mani nervose da smartphone stupidi tra pollici veloci e T9. Anelli di parole, messaggi sbagliati, anelli da fracassare schermi e farci arcobaleni. Mani da spettinare zazzere e lentiggini di figli. Mani da bimbi da cambiare. Mani da magie affondate in grandi borse misteriose. Anelli e amore, anelli, anelli, anelli e pensieri, giochi, emozioni… Le mani delle donne disegnano la vita di luce.

Emozioni… rainbow rings

Rainbow rings sono sorprese improvvise,
colori da inventare e giocare,
promesse, baci, carezze…
accostamenti audaci,
regali da sorrisi,
stratagemmi per sfiorarti le mani,
bugie, ricordi, storie
inventate per rubarti gli occhi,
quarzi magici da abbinare alla tua pelle,
Rainbow rings sono verdi, viola, blu…
gocce di liquori scuri e
trasparenze piene di luce.
Giochi dalle superfici d’argento ghiacciato,
riflessi d’oro e rosa,
anelli essenziali, quadrati e rotondi
in tante misure, sempre troppo grandi
per passare inosservati,
troppo piccoli per non moltiplicarli
sulle tue dita.
Rainbow rings, emozioni…